Contenuto della pagina

Sistema per la gestione dei Parchi Nazionali

L’articolo 10 della Direttiva 2003/87/CE e s.m.i., che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, prevede che i proventi delle aste CO2 siano destinati a ridurre le emissioni stesse, favorire l’adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici, incrementare l’efficienza energetica, incoraggiare il passaggio a modalità di trasporto pubblico a basse emissioni.

In tale contesto, il Ministro dell’ambiente emana Direttive generali contenenti le priorità politiche e l’indirizzo per lo svolgimento dell’azione amministrativa e per la gestione del Ministero che, nell’utilizzo dei fondi acquisiti sulla base dei risultati delle aste CO2, riconosce priorità agli interventi realizzati nei Parchi nazionali per progetti unitari complessivamente finalizzati alla riduzione della CO2 e all’adattamento ai cambiamenti climatici.

A tale scopo il Ministero dell’Ambiente invita gli Enti parco nazionali (di seguito anche Soggetti beneficiari) a presentare proposte progettuali per la realizzazione di interventi finalizzati alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici, secondo modalità e termini di seguito specificati.

In questo ambito abbiamo realizzato e gestiamo per tale iniziativa un Portale multiservizi per interventi nelle aree protette, volti a favorire il contrasto, l’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici, al fine di migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’azione amministrativa.

Il pannello è raggiungibile via web e l’acceso è consentito ai soli utenti autorizzati. Tramite il pannello gli utenti sono in grado di monitorare:

  • l’andamento della spesa annuale;
  • la distribuzione della spesa per ente;
  • la distribuzione della spesa per tipologia di interventi.

Potranno essere finanziati interventi realizzati nei Parchi per un importo complessivo massimo diviso tra la Direzione Generale per il clima e l’energia e la Direzione Generale per la protezione della natura e del mare.

Le quote di finanziamento verranno ripartite assumendo a riferimento i criteri dettati dalla Direttiva del Ministro dell’Ambiente agli Enti parco nazionali per l’indirizzo delle attività dirette alla conservazione della biodiversità, secondo lo schema riportato nell’Allegato A “Attribuzione delle risorse”. Dette risorse potranno essere trasferite sulla base delle proposte progettuali presentate sul portale dei servizi.

Nel corso del 2021 svilupperemo una nuova area di accesso al Portale Multiservizi nella quale il cittadino, con accesso libero, potrà consultare i programmi pubblicati dal Ministero – Direzione DG-PNA - e le informazioni di carattere pubblico ad esse associate.