Contenuto della pagina

Accordi di fruizione

Cosa sono

Le Pubbliche Amministrazioni e i Gestori di Pubblici Servizi, che hanno necessità di consultare i dati  presenti in  ANPR, possono accedere ad essi soltanto dopo aver stipulato un Accordo di fruizione con il Ministero dell’Interno.

L’accesso ai dati di ANPR avviene attraverso i casi d’uso.

Ogni “caso d’uso” è caratterizzato da:

  • presupposti normativi che legittimano le pubbliche amministrazioni alla fruizione di specifiche informazioni presenti su ANPR;
  • categorie di amministrazioni che possono utilizzarlo;
  • dati forniti da ANPR a fronte di una particolare interrogazione effettuata dall’Ente.

L’accesso di un ente o una Pubblica amministrazione avviene, quindi, previa sottoscrizione dell’Accordo di fruizione con il Ministero e individuazione e selezione dei “casi d’uso” tra quelli previsti e corrispondenti all’ambito normativo applicabile all’Ente/amministrazione interessata.

Nel caso in cui una specifica esigenza di accesso non sia prevista fra i “casi d’uso” disponibili, l’accordo disciplina la procedura per la creazione di un nuovo “caso d’uso”, che, all’esito di un processo di verifica normativa da parte del Ministero, viene aggiunto all’elenco di quelli disponibili.

Analogamente, in caso di modifica normativa o delle competenze istituzionali dell’Ente che impatti anche sull’accesso ai dati di ANPR, il Ministero può disattivare uno o più “casi d’uso” da un accordo di fruizione e, in questo caso, il processo comporta l’inibizione all’ente/PA dell’accesso ai dati relativi al caso o ai casi d’uso che non rientrano più nelle proprie competenze.

Cosa facciamo

Da luglio 2021 abbiamo reso disponibile la piattaforma “Accordi di fruizione”, progetto condiviso con il Dipartimento per la Trasformazione Digitale e con l’Agenzia per l’Italia Digitale, con il parere favorevole della Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

La piattaforma è stata progettata con l’intento di standardizzare e semplificare:

  • il flusso procedurale attraverso il quale la singola PA e i Gestori di Pubblici Servizi, giungono alla sottoscrizione di un Accordo di fruizione;
  • le modalità di accesso ai dati di ANPR.

La gestione degli “Accordi di Fruizione” si basa su una procedura completamente automatica che consente:

  • alle Pubbliche Amministrazioni e ai Gestori di Pubblici Servizi di indicare, attraverso la selezione dei “casi d’uso” (già censiti o attraverso la proposizione di nuovi casi), il tipo di  informazione necessaria per il perseguimento dei propri compiti istituzionali, osservando il principio di minimizzazione all’accesso;
  • al Ministero dell’Interno (che ha funzioni di controllo) di semplificare la gestione delle richieste di accesso ad ANPR da parte delle Pubbliche Amministrazioni e dei Gestori di Pubblici Servizi per tutti quei casi in cui gli stessi propongono nuovi casi d’uso.

Alla Piattaforma potranno accedere le Pubbliche Amministrazioni e i Gestori di Pubblici Servizi presenti nell’elenco pubblico IPA (Indice dei domicili digitali della Pubblica Amministrazione e dei Gestori di Pubblici Servizi), gestito dall’AGID, contenente i “domicili digitali” da utilizzare per le comunicazioni e per lo scambio di informazioni e per l'invio di documenti validi a tutti gli effetti di legge tra le Pubbliche Amministrazioni, i Gestori di Pubblici Servizi e i privati (comma 3 dell’art. 6-ter del CAD).