Sistema doganale

 

Cos'è

La crescita esponenziale del commercio internazionale, la crescente globalità degli scambi, i nuovi criteri di concorrenzialità basati su una tempistica sempre più stringente ed i dettami del nuovo Codice Doganale dell'Unione, rappresentano gli elementi primari di sviluppo del sistema doganale. 

Gli operatori economici hanno l'esigenza di spostare le merci in maniera semplice e nel minor tempo possibile, con costi contenuti per le procedure doganali. Le autorità portuali necessitano, dal canto loro, di accelerare le operazioni di sdoganamento e controllo al fine di limitare la permanenza delle merci all'interno delle aree portuali che lamentano da sempre una carenza di spazio.

L' Agenzia Dogane e Monopoli contribuisce alla fiscalità interna e alla tutela degli interessi finanziari del Paese e dell'Unione Europea provvedendo alla riscossione di tributi specifici e alla lotta all'evasione fiscale e alle frodi. Svolge inoltre attività di prevenzione e contrasto degli illeciti di natura extra-tributaria, quali i traffici illegali di prodotti contraffatti o non rispondenti alle normative in materia sanitaria o di sicurezza, armi, droga, beni del patrimonio culturale, traffico illecito di rifiuti, nonché commercio internazionale di esemplari di specie animali e vegetali minacciate di estinzione.

Cosa facciamo

Sistema informativo A.I.D.A.

In un contesto di globalizzazione e di continuo ampliamento dei mercati abbiamo realizzato, per  l'Agenzia Dogane e Monopoli, AIDA (Automazione Integrata Dogane e Accise), un sistema informativo flessibile in grado di adattarsi velocemente ai nuovi scenari commerciali internazionali, attraverso la più ampia integrazione delle piattaforme disponibili.

Un sistema informativo efficiente, deve essere in grado di assecondare l'istanza di "velocità" e "semplificazione" proveniente dai diversi stakeholder e deve altresì consentire all'autorità doganale di mantenere il completo e totale controllo delle merci nel rispetto della normativa vigente e dei compiti istituzionali previsti.

Il sistema permette infatti agli Uffici delle Dogane di espletare le necessarie attività per la gestione e il controllo delle dichiarazioni trasmesse telematicamente da parte degli operatori economici per i diversi settori impositivi, degli importi dei tributi riscossi, delle movimentazioni delle merci in regime sospensivo, sia in ambito intracomunitario sia in quello nazionale. 

Al fine di tutelare la sicurezza dei cittadini, il bilancio sia nazionale che comunitario, il commercio legittimo e favorire la competitività delle imprese, AIDA integra al suo interno anche i moduli dell'analisi dei rischi per la lotta alla frode e alla contraffazione delle merci.

 

Ambito: Cooperazione applicativa

Sportello Unico Doganale

Per effettuare un'operazione di import/export, normalmente gli operatori presentano, oltre alla dichiarazione doganale, fino a 68 istanze ad altre 18 amministrazioni, trasmettendo ad ognuna informazioni e dati spesso identici o simili nella sostanza per ottenere le autorizzazioni, i permessi, le licenze ed i nulla osta necessari, spesso rilasciati su carta. 

Tramite lo Sportello Unico Doganale nel quale l'Agenzia Dogane e Monopoli riveste il ruolo di coordinatore, l'operatore presenta telematicamente la documentazione una sola volta (paradigma ONCE). Il progetto ha lo scopo di favorire la competitività degli scali nazionali, velocizzando il processo di sdoganamento, riducendone i costi per gli operatori e offrendo strumenti per il monitoraggio delle fasi del processo logistico.  

Lo Sportello Unico Doganale obbliga le 18 amministrazioni ad integrare i processi di competenza, di cui rimangono titolari, per offrire alle imprese una "interfaccia" unica che consente la richiesta, il controllo e lo "scarico" delle certificazioni/nulla osta/autorizzazioni per via telematica e la "digitalizzazione" dell'intero processo di sdoganamento, compresi i segmenti di controllo di cui sono titolari amministrazioni diverse dall'Agenzia Dogane e Monopoli.

OTELLO

(Online Tax Refund at Exit: Light Lane Optimization) permette ai viaggiatori residenti in Paesi terzi, in possesso di fatture emesse da esercenti con partita IVA italiana, associati a società di rimborso, di ottenere celermente il visto doganale. La società di rimborso provvede alla restituzione dell'IVA al viaggiatore e alla memorizzazione del visto doganale prodotto da OTELLO, senza richiedere ulteriori adempimenti.

Pagamento tramite bonifico

La legge n. 244 del 2007 (Legge Finanziaria 2008), consente l'utilizzo del bonifico quale strumento di pagamento o di deposito dei diritti doganali, ha altresì autorizzato l'apertura di un'apposita contabilità presso Banca d'Italia.

Sdoganamento in mare

Grazie alla completa digitalizzazione dei documenti Cargo Manifest, e avvalendosi del sistema di monitoraggio della piattaforma del traffico navale, è stato realizzato, in collaborazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, lo sdoganamento in mare (pre-clearing). 

Tramite il "pre-clearing" le dichiarazioni di importazione possono essere trasmesse, mentre le merci sono ancora in viaggio, verso i porti nazionali o prima dell'arrivo in aeroporto, consentendo alla dogana di anticipare la fase di analisi dei rischi e svincolare, prima dell'arrivo, le merci per le quali non è richiesto un controllo. 

Il monitoraggio satellitare/radio attuato dalle Capitanerie di Porto segnala alla dogana eventuali comportamenti anomali e deviazioni non previste, per impedire che le merci possano essere sottratte al controllo.

Ambito: Lotta alla contraffazione

FALSTAFF

(Fully Automated Logical System To Avoid Forgery & Fraud), la piattaforma si avvale della telematica non soltanto per la semplificazione amministrativa degli adempimenti, ma anche per realizzare una efficace strategia di contrasto al fenomeno della contraffazione.

Falstaff è costituito da una banca dati multimediale che contiene le caratteristiche e i dettagli qualitativi dei prodotti autentici, con immagini del prodotto stesso e mappatura degli itinerari doganali. Questa banca dati è parte del sistema informativo dell'Agenzia Dogane e Monopoli e consente di confrontare le caratteristiche di un prodotto sospettato di contraffazione con quelle dell'originale. 

Tutte le informazioni di carattere tecnico relative al prodotto sono registrate in una scheda che la banca dati provvede a elaborare per ogni azienda che abbia richiesto un intervento a tutela di un proprio prodotto. La banca dati è a disposizione dei funzionari doganali che possono così ottenere risposte in tempo reale e avvalersi, per le eventuali richieste di intervento, anche del supporto dei tecnici delle associazioni di categoria e degli enti di certificazione di qualità dei prodotti. 

Il circuito doganale di controllo elabora i profili di rischio dei prodotti anche in base ai parametri indicati dalle aziende nelle singole schede, infatti il circuito doganale di controllo analizza le dichiarazioni di importazione ed esportazione presentate in dogana e le trasmette ai canali abbinati ai profili di rischio. In questo modo è possibile attivare tutte le azioni a tutela dei prodotti protetti da marchio.

FALSTAFF per i giovani

Si tratta di un progetto che nasce con l'obiettivo di informare i giovani sui pericoli derivanti dall'acquisto e dall'utilizzo di prodotti contraffatti non conformi alle normative di qualità e sicurezza. Il progetto si è concretizzato con la creazione del portale FalsoBook, in cui sono presenti approfondimenti, tematiche di interesse per i consumatori, consigli delle associazioni di categoria ecc.

GlifItaly

Permette al consumatore, di verificare la qualità e l'originalità del prodotto, attraverso la lettura da dispositivi mobili di un QR code posto sull'etichetta, erogando gratuitamente un servizio per la diffusione di informazioni certificate ai consumatori. 

Il servizio che offre Glifitaly, infatti, permette di accedere in tempo reale alle informazioni presenti sul sistema doganale Falstaff che gestisce una banca dati, alimentata dalle informazioni rese disponibili dai titolari di diritti di proprietà intellettuale, e consente di confrontare i prodotti sospettati di contraffazione con i prodotti originali.

Ambito: Digitalizzazione delle Accise

EMCS-DAA

EMCS (Excise Movement Control System) è un sistema creato dall'Unione Europea per controllare i movimenti, tra i vari Stati, dei prodotti in regime di sospensione d'accisa (alcol e bevande alcoliche, tabacco e prodotti energetici). 

La sua implementazione è obbligatoria in tutta l'Unione Europea per gli operatori economici che trattano tali prodotti. Con questo sistema il Documento Amministrativo di Accompagnamento (DAA) viene sostituito da un messaggio elettronico, consentendo così il controllo in tempo reale. EMCS comporta lo scambio di informazioni tra clienti, fornitori e le dogane dei diversi paesi.

Contabilità settori prodotti energetici ed alcoli

Il Decreto Legge n. 262 del 3 ottobre 2006, coordinato con la legge di conversione 24 novembre 2006, n. 286, rende obbligatoria la presentazione telematica dei dati relativi alle contabilità degli operatori, qualificati come depositari autorizzati, operatori professionali, rappresentanti fiscali ed esercenti depositi commerciali, dei settori oli minerali, dell'alcol e delle bevande alcoliche e degli oli lubrificanti e bitumi di petrolio.

Dichiarazioni settori energia elettrica e gas naturali

Il Testo Unico delle Accise (TUA) individua i soggetti obbligati al pagamento delle accise sul consumo di energia elettrica e gas. Tali soggetti devono presentare le dichiarazioni annuali per l'energia elettrica e per il gas naturale relative all'anno d'imposta. L'adempimento va effettuato esclusivamente per via telematica.

Ambito: Digitalizzazione dei processi di sdoganamento

Fast Corridor

Nel corso del 2015 l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha progettato, appoggiandosi al principio del trasferimento di magazzino, un sistema di "corridoi doganali" (Fast Corridor) per consentire lo sdoganamento della merce direttamente nei punti di destinazione. 

Nel particolare si tratta di corridoi controllati per la movimentazione, su gomma o su treno, di container dal punto di sbarco fino al magazzino di temporanea custodia individuato presso un nodo logistico di destinazione. L'adozione di questa procedura consente di non svolgere le ulteriori formalità doganali connesse al regime di transito in ragione della sicurezza garantita dal monitoraggio dei mezzi su cui viaggiano le merci.

Fascicolo elettronico

Consente alle imprese di non doversi più recare presso la dogana per l'effettuazione dei controlli documentali delle operazioni di import/export. I documenti necessari, tranne quelli già controllati dalle amministrazioni che hanno aderito allo sportello unico doganale, possono infatti essere digitalizzati e trasmessi alla dogana telematicamente. 

Gli operatori economici che utilizzano il fascicolo elettronico, beneficiano di sostanziali agevolazioni: sdoganamento senza alcun limite di orario, riduzione dei tempi di controllo oltre alla tracciabilità dell'iter dei controlli grazie allo scambio dati tra dogana e dichiarante, il tutto con una drastica riduzione dei tempi medi di sdoganamento.

Presentazioni merci (e-MANIFEST)

Il progetto ha l'obiettivo di gestire il "manifesto merce" in arrivo e partenza, ovvero il documento doganale utilizzato per trasporti effettuati con qualsiasi mezzo (nave, aereo, treno o altri). Il manifesto fornisce i dettagli commerciali della spedizione e consente alle autorità preposte (Dogana, Capitaneria di Porto, Autorità portuale, Guardia di Finanza, ecc.) il controllo delle merci in arrivo o in partenza dalle aree portuali o aeroportuali.

EOS - Banca dati degli operatori economici EORI + AEO

Il sistema EOS (Economic Operator System) nasce dalla fusione delle banche dati comunitarie AEO (Authorised Economic Operator) ed EORI (Economic Operators' Registration and Identification).

La banca dati AEO censisce gli operatori doganali che soddisfano una vasta gamma di criteri di affidabilità ed operano in stretta cooperazione con le autorità doganali per garantire l'obiettivo comune della sicurezza nella catena di approvvigionamento. Questi operatori hanno diritto a godere di diversi vantaggi nelle operazioni di sdoganamento effettuate in tutta l'UE. 

Il programma mira a rafforzare la sicurezza della catena logistica internazionale e ad agevolare il commercio.

Lo scopo del sistema EORI è quello di avere per l'operatore economico un unico codice di identificazione doganale (codice EORI) riconosciuto da tutte le autorità doganali comunitarie.

AES - Automazione all'esportazione

Il progetto AES (Automated Export System) consente il tracciamento elettronico ed il controllo automatizzato delle operazioni di esportazione in ambito comunitario.

AES è stato concepito per coniugare le esigenze di controllo doganali con quelle più strategiche di sicurezza.

La dichiarazione doganale viene inviata telematicamente dall'operatore doganale al Sistema Informativo dell'Agenzia Dogane e Monopoli che effettua la verifica e, se tutto è corretto, ne effettua la registrazione. Contemporaneamente le stesse informazioni vengono inviate alla dogana di uscita dal territorio dell'Unione Europea scelta dall'operatore che stampa il DAE (Documento di Accompagnamento Esportazione). 

Il DAE accompagna la spedizione sino alla dogana di uscita che ne legge il numero (MRN Movement Reference Number - codice identificativo di ogni singola dichiarazione doganale trasmessa in telematico.) attraverso il codice a barre e ne effettua lo "scarico".

In questo modo è possibile provare l'uscita della merce dall'Unione Europea e la bolletta di esportazione viene convalidata ai fini IVA. Questo consente la registrazione della fattura dell'esportatore senza applicazione dell'imposta.

ICS e AIS - Automazione dell'importazione

Il sistema di importazione automatizzata AIS serve a garantire che le operazioni di importazione avviate in uno Stato membro possano essere completate in un altro Stato membro senza dover ripresentare le stesse informazioni. 

Ciò avviene attraverso uno scambio di informazioni relative alle diverse fasi delle operazioni tra i vari attori (dogane, importatori e altre amministrazioni governative). 

La prima fase dell'implementazione è costituita dall'ICS (Import Control System), il sistema di controllo dell'importazione, che prevede il controllo dei requisiti di sicurezza individuati dalla UE per le merci in ingresso nel territorio dell'Unione tramite la dichiarazione ENS (ENtry Summary Declaration o Dichiarazione Sommaria di Entrata).

NCTS e TIR - Automazione del transito

L'NCTS (New Computerized Transit System) è il primo progetto avviato dall'UE nel corso del 2003. Il regime di transito è un regime sospensivo nel senso che consente ad un operatore economico di spostare merce terza (o non comunitaria) attraverso il territorio della comunità senza il pagamento di alcun tributo o diritto, ma solo tramite l'accensione di una opportuna garanzia a tutela dei diritti non versati. L'operatore viene svincolato dall'impegno della garanzia nel momento in cui l'autorità doganale a partenza riceve comunicazione che la merce è arrivata correttamente ed integralmente presso un ufficio di destinazione.

L'NCTS automatizza il processo attraverso uno scambio di messaggi tra tutti gli uffici coinvolti (partenza, destinazione e passaggio).

Attivo dal 2009, il progetto TIR (Transport International Routiers) consente il tracciamento elettronico ed il controllo automatizzato di tutte le operazioni TIR in ambito comunitario al fine di semplificare e velocizzare le procedure di verifica delle operazioni.

CDMS - Custom Decision Management System

Il Codice Doganale dell'Unione (CDU) ha stabilito regole precise per il processo autorizzativo e per la gestione delle decisioni relative all'applicazione della normativa doganale.

Le decisioni doganali sono autorizzazioni concesse dall'autorità doganale competente sulla base delle richieste presentate dall'operatore economico. 

Dal 2 ottobre 2017 è entrato in esercizio il Sistema Unionale delle Decisioni Doganali "Customs Decisions", che comporta la presentazione in formato elettronico delle domande di decisione attraverso il Trader Portal (TP), Portale Europeo.

Dopo l'inoltro, le istanze presentate telematicamente vengono gestite dagli Uffici Doganali competenti i quali provvedono a rilasciare i relativi provvedimenti attraverso il CDMS.

Altro: Supporto ai Laboratori chimici

 

Nell'ambito del sistema AIDA sono disponibili specifici servizi informatici a supporto delle attività dei 15 Laboratori chimici dell'Agenzia Dogane e Monopoli.

Tali laboratori sono competenti a svolgere analisi e ricerche sui prodotti in importazione ed esportazione al fine di accertarne, ove ricorra il caso o sia espressamente previsto dalla normativa vigente, le caratteristiche merceologiche cui sono connesse specifiche misure fiscali e/o commerciali.